sabato 31 marzo 2007

Un pugno di dollari... sul ring


Mi scuso per questo "copia-incolla" poco elegante, non è da me.
Ma sono troppo legata a questa recensione lasciata ad un altro blog "collega" (http://ilcinemavistodanoi.splinder.com/) che la sento gelosamente mia. Nel rileggerla, ho anche resistito alla tentazione di modificarla, perché non voglio minimizzare in alcun modo le emozioni "a caldo", provate subito dopo la visione del film... ben due anni fa ("Million Dollar Baby" - 18 Febbraio 2005). Non a caso ho voluto inserirla ora, a distanza di così tanto tempo: desidero dedicarla ad un amico speciale... che son sicura, lo leggerà.

Scorrono i titoli di coda e le luci si accendono...il rumore della gente ed i loro commenti sempre più decisi...
in questo preciso istante si ha il ritorno alla realtà...
Ma in QUESTO film ciò non accade...
il silenzio che riempie la sala é più forte di qualsiasi altro rumore.
Ho sentito il desiderio di giungere a casa e "fermare" la commozione e le emozioni così forti che, lasciate solo a me stessa, non avrebbero
senso.
Da tempo (o forse mai) non uscivo da un cinema così "provata" (posso paragonare questa sensazione di "terremoto" interiore, probabilmente solo a "La passione di Cristo"... anche se nessun film assomiglia ad un altro in termini di emozioni)...
... la fatica, il dolore, la gioia di inseguire un sogno, la morte... tutto si mescola in un film così "doloroso" che poteva nascere solo
dalla fantasia di un genio come Clint Eastwood.
Dolore che si prova davvero: come se tutti noi fossimo su quel ring a prendere pugni e cazzotti piuttosto che starcene
seduti su una poltrona, magari sorseggiando una bibita. Sentiremo anche noi il dolore di un osso spezzato o di un
disinfettante che brucia a contatto con la ferita...
E soffriremo con lei: in tutte le decisioni che prenderà (e spesso lo faremo così intensamente da credere di poter cambiare la versione del film solo con la forza dei nostri pensieri...).
"Million dollar baby" é così: dolce nel suo dolore, forte nella violenza, splendido negli sguardi di Eastwood, commuovente nei silenzi di Morgan Freeman... e nel carattere della bravissima Hilary Swank.
E' un film che mi ha regalato tanto in questa sera... e, credo, me lo porterò dentro per molto, molto tempo ancora...

Titolo originale: Million Dollar Baby
Titolo italiano: Million Dollar Baby
Data di uscita (in Italia): 18 Febbraio 2005
Genere: Drammatico
Durata: 137'
Regia: Clint Eastwood
Da vedere: per chi si emoziona davanti agli occhi profondi di Eastwood e non teme la sofferenza. Triste.

2 commenti:

Lameduck ha detto...

Bello, bello, bello, bello.
Umanità pura. Clint è un gigante.

mb ha detto...

Film tragico e spietato, nel nome del dolore, dell'amore, dell'amicizia non banale e superficiale ma intenso,tocca un tema abbastanza controverso, delicatissimo l'eutanasia.

Guestbook